Il nuovo Déclaration di Cartier torna alla sostanza autentica del profumo

A vent’anni dal lancio dell’Eau de toilette Déclaration, Mathilde Laurent, Naso Parfumeur della Maison, sperimenta una nuova sensazione con l’omonima versione Parfum. Nella fragranza quanto nel flacone, la tensione è all’apice: una nuova interpretazione olfattiva e stilistica intensifica questa scia di eleganza e passione. Creata nel 1998 dal profumiere Jean-Claude Ellena, l’Eau de toilette DОclaration ha segnato una generazione. Una fragranza d’avanguardia, un profumo-choc divenuto il portavoce olfattivo degli innamorati.  Un incontro inedito tra una spezia fresca, il cardamomo, per la prima volta protagonista in profumeria, e le note boisé. Una fragranza originale che trae la sua forza dal legno di cedro, di cui esplora tutte le potenzialità olfattive, dal fico e dal legno appena incerato. Una freschezza spezzata, virile e audace che dà vita a una nuova famiglia olfattiva. A questa fragranza culto che Mathilde Laurent rende omaggio oggi con una nuova versione: il Parfum. Una reinterpretazione moderna, calda e profonda che raccoglie l’eredità del passato. Fedele alla forza del legno di cedro del profumo originario, ne accentua le sfaccettature boisé con note orientali e sensuali che enfatizzano la sensazione di intensità.

Déclaration è anche una forma, quella del flacone assolutamente riconoscibile. A vent’anni dalla sua creazione, le linee evolvono verso una maggiore virilità e modernità, slanciandosi verso l’alto e consolidandone la base. Un design insieme essenziale e deciso, al pari del nuovo Parfum, intenso come i toni caldi e profondi che traspaiono dal vetro trasparente del flacone. La sintesi tra l’aspetto maschile e quello prezioso: da un lato, la potenza di una scultura in vetro; dall’altro, la raffinatezza dei dettagli e delle finiture in metallo ispirate alla celebre corona di carica degli orologi della Maison.

Mostra social
Nascondi social
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: